.
Annunci online

antonellovargiu correre rende sani e felici...
“12° CorriNuoro”. Nuoro, 15-05-2010.
post pubblicato in Resoconto gare 2010., il 15 maggio 2010

Bellissima festa dell’atletica nella cittadina barbaricina di Nuoro sabato 15 maggio 2010 organizzata impeccabilmente dal suo presidente Massimo Zara con al suo fianco gli onnipresenti gemelli Stefanopoli. La manifestazione ha visto la partecipazione di quasi 400 atleti, quasi tutti Master, valida come Campionato Regionale master per società su strada. Nobile il gesto della società Atletica Amatori Nuoro di devolvere l’intero incasso all’associazione “Donata Marchi Onlus – aiuto malati neurologici” di Nuoro. La nostra partenza inizia da Cagliari alle ore 14,40 accompagnati da un clima quasi autunnale. Il viaggio avviene in pullman in modo da poter essere tranquillo e confortevole. La compagnia è piuttosto numerosa ed è costituita da atleti di varie società anche se dominano soprattutto quelli dei Runners CA e dell’ Atletica Selargius. Tra una discussione e l’altra e dopo una sosta a Tramatza ci troviamo verso le 17,30 già pronti a scendere in pieno centro a  Nuoro per questa nuova avventura atletica. Giusto il tempo per il ritiro del pacco gara ed il saluto agli amici che man mano arrivano in piazza per poi indirizzarci in uno dei due pulmini adibiti a spogliatoio per sistemare il numero sulla  canotta ed il chip tra le stringhe della scarpa. La giornata anche qui a Nuoro non è delle migliori. Il forte vento di maestrale e la giornata nuvolosa che abbiamo lasciato a Cagliari lo ritroviamo anche qui a Nuoro, anzi, con qualche grado in meno. Alle ore 18 ci saranno non più di 12°. Decido di fare un giro del percorso in compagnia di Andrea Culeddu giusto per riscaldarmi e ciò mi permette di focalizzare alcuni punti critici del giro.  Il percorso è lungo 2380 mt. e sarà da percorrere 4 volte per un totale di 9520 mt. Per oltre un km. si transita su ampie strade  sostanzialmente pianeggianti per poi affrontare una discesa intensa di poco più di 100 mt. che ci indirizza sulla strada del Corso. Qui il percorso è lastricato e ben delineato da dei nastrini che tengono fuori dal circuito i passanti. La salitina  costante del Corso lunga circa 600 mt. ci riporta in quota e, proprio al suo termine, occorre fare una svolta quasi ad U verso sinistra per affrontare un piccolo tratto in salita che ci indirizza nuovamente verso l’ ultimo rettilineo in piano, prima dell’arrivo. Nel frattempo la temperatura continua a scendere e poco prima delle 19 partono i bambini sotto i 10 anni per un percorso di 300 mt. Le fasi pre-gara sono dedicate alla ricerca della condizione ideale oltreché di studio degli avversari in campo.  L’anno precedente vinse la manifestazione Alessandro Sale (Civitas Olbia) in 31’19” su Stefano Demurtas (Promessa, Cannonau Jerzu) arrivato con 38” di ritardo. Quest’anno lo stesso Sale è presente ma dovrà vedersela con un nuovo avversario di ben altra levatura. Si tratta del trentenne Nour Eddine Bahi tesserato nella società sassarese Podistica SS. Di origine marocchina Nour Eddine ha già ben impressionato nella gara vinta qualche giorno prima a San Gavino con grosso distacco sugli avversari. Alle ore 19 ben oltre 400 atleti, compresi anche alcune decine di atleti della non competitiva, che svolgeranno un unico giro, sono pronti allo sparo della partenza che viene deciso dallo speaker della manifestazione Massimo Zara. Questo l’ordine d’arrivo dei primi 25 atleti: 1° Nour Eddine Bahi (Podistica SS.) arrivato in 29’54”; 2° Alessandro Sale (Atl. Civitas Olbia) in 32’05”; 3° Luigi Leotta (Atl. Goceano) in 32’28”; 4° Francesco Morittu ( Promesse. Atl. Ozieri) in 32’37”; 5° Antonio Carta (M45, Atl. Ogliastra) in 32’40”; 6° Salvatore Orgiana (Atl. Goceano) in 32’47”; 7° Ivan Pulina (M40, Atl. Ploaghe) in 32’49”; 8° Pasqualino Carta (Atl. Goceano) in 33’34”; 9° Giampietro Dessì (M40, Sporting S.I.E.) in 33’42”; 10° Matteo Denti (Allievi, Atl. Goceano) in 33’43”; 11° Giovanni Desotgiu (M50, Atl. Amat. Nuoro) in 33’48”; 12° Salvatore Podda (Atl. Goceano) in 33’51”; 13° Agostino Saba (Cadetti, Atl. Goceano) in 33’59”; 14° Vittorio Azzena  (M50, Atl. Tempio) in 33’59”; 15° Andrea Culeddu (M35, G.S. Runners CA) in 34’10”; 16° Matteo Tolis (TM, Sporting S.I.E.) in 34’12”; 17° Gabriele Carta (M45, Sporting S.I.E.) in 34’23”; 18° Giuseppe Cavallaro (M40, Atl. Amat. Nuoro) in 34’23”; 19° Stefano Pintore (Sporting S.I.E.) in 34’23”; 20° Salvatore Chighini (M45, Atl. San Giovanni SS.) in 34’24”; 21° Luca Tilocca (M40, Atl. Ozieri) in 34’28”; 22° Enrico Pintus (M35, Monte Acuto Marathon Ozieri) in 34’29”; 23° Maurizio Puddu (M45, Atl. San Sperate) in 34’34”; 24° Antonello Vargiu (M50, S.G. Amsicora CA) in 34’38”; 25° Luigi Stefanopoli (M40, Atl. Amat. Nuoro) in 34’55”. Ottima prestazione, non c’erano dubbi, dell’atleta Noureddine Bahi che stabilisce anche il record assoluto della manifestazione. L’atleta marocchino ha corso ad una media di 3’08” e ad una velocità di 19,10 km. all’ora. Già dopo 200 mt. Nour Eddine pianta tutti sul posto superando pure la vecchia 1100 Fiat nera che svolge il ruolo di apripista per il primo giro. Ci viene il dubbio che l’auto forse era troppo vecchia per una velocità così intensa dell’atleta nord-africano. Alcuni amici della società sassarese ci raccontano come simpaticamente Noureddine è arrivato tra loro. Un giorno vedono correre questo sconosciuto tra le vie cittadine ad un’andatura piuttosto sostenuta. Intervistano il giovane pensando che stesse facendo un carico di lavoro, tipo ripetute brevi e veloci, mentre scoprono invece che stava svolgendo un semplice lungo lento. Da li al tesseramento il passo è stato piuttosto veloce ed il giovane marocchino, che lavora nel ristorante dello zio a Sassari, ha trovato così la collocazione nella società podistica sassarese. Al secondo posto arriva Alessandro Sale con 2’11” di ritardo sul vincitore e con una media a km. di 3’22”. L’atleta isolano (vincitore nel 2009) rimedia un ritardo di 46” rispetto all’anno precedente anche se bisogna dire che le condizioni climatiche di quest’anno sono decisamente peggiori. Va segnalato tra gli atleti Master il magnifico 5° posto assoluto di Antonio Carta in 32’40”. L’atleta ogliastrino all’età di 47 anni non smette di stupirci e si permette di affrontare una gara così impegnativa ad una media di 3’26” a km. Non scherza  neppure il 53 enne Giovanni Desotgiu che arriva 11° correndo ad una media di 3’33” così come Vittorio Azzena (51 anni) che arriva 14° ad una media di 3’34”. Buona prestazione di Antonio Carboni (M65, Runners Oschiri) 59° assoluto con un tempo di 36’55” a 3’53” di media. Segnalerei anche la prestazione dell’ottantenne Antonio Benito Casula (M80, Alghero Marathon) 333° assoluto, arrivato in 58’55” ad una media di 6’11” a km. Questo l’arrivo delle prime 15 atlete: 1^ Marinella Curreli (Cus Sassari) in 36’46”, arrivata 55^ assoluta; 2^ Domenica Manchia (F35, Atl. Runners Oschiri) in 36’51”, 57^ ass.; 3^ Elena Fratus (Atl. Porto Torres) in 37’27”, 71^ ass.; 4^ Rosalba Miscali (F45, Marathon Club OR.) in 38’38”, 98^ ass.; 5^ Stefania Carola (F35, Pod. San Gavino) in 39’39”, 113^ ass.; 6^ Adalgisa Deriu (F35, Guilcer Ghilarza) in 40’16”, 128^ ass.; 7^ Alessandra Ceccarelli (F45, Atl. Amat. Nuoro) in 40’22”, 132^ ass.; 8^ Pasquale Canu (F50, Alghero Marathon) in 41’01”, 142^ ass.; 9^ Caterina Miscali (F45, Guilcer Ghilarza) in 41’07”, 143^ ass.; 10^ Grazia Piras (GS Runners CA) in 41’10”, 144^ ass.; 11^ Ivana Corrias  (F35, Libertas Campidano) in 41’19”, 147^ ass.; 12^ Adele Simula (F40, Atl. San Giovanni SS.) in 41’33”, 153^ ass.; 13^ Antonella Cau (F35, Atl. Amat. Nuoro) in 42’12”, 165^ ass.; 14^ Daniela Deriu (F35, Monte Acuto Marathon Ozieri) in 42’38”, 173^ ass.; 15^ Rita Pisu (F35, Marathon Club OR.) in 43’10”, 192^ ass. Tra le donne buona affermazione di Marinella Curreli (Senior) arrivata 1^ con una media a km. di 3’52” con solo  5” di vantaggio su Domenica Manchia (F35) che ha chiuso con una forte progressione finale. Di risalto anche il 4° posto di Rosalba Miscali (F45) corso ad una media di 4’03” a km.

Complessivamente hanno concluso la 12^ CorrinNuoro 339 atleti di cui 265 uomini e 74 donne. Di questi solo 23 non rientrano tra i TM o Master per cui non competono per alcuna classifica del campionato in svolgimento. Tra l’altro, questi 23 atleti hanno gareggiato senza pettorale per protesta nei confronti di chi, volendo influire contro il piacere/volere di qualsiasi libero atleta, avrebbe preferito non ci fossero. Nello stesso giorno infatti c’è la coincidenza con i campionati assoluti su pista ad Oristano.

Per quanto riguarda la mia gara posso ritenermi soddisfatto. Ho chiuso in 34’38” ad una media di 3’38” recuperando 2” sul tempo dell’anno precedente. Completamente diverso l’approccio alla gara rispetto a quella occasione. Stavolta partenza fortissima per almeno 500 mt. e tenuta, seppur con qualche affanno nella parte finale della gara. Di grosso aiuto, tra il secondo e terzo giro, l’aver avuto di fianco Giuseppe Cavallaro che mi ha permesso di tenere un ritmo costante e gestire psicologicamente meglio la gara. Giuseppe non è certo in ottime condizioni. Dopo le ultime lunghissime gare (Nurachi e Osilo)  ha risentito di un problema muscolare e lo si vede anche dai lunghi cerotti verdi che gli avvolgono il polpaccio destro. Dopo il primo giro affiancati, lo invito ad accodarsi con Salvatore Chighini che si trova a poco più di 40 mt. con un’andatura molto simile alla nostra. Lui ci pensa un po’ ma poi mi risponde che preferisce aspettare all’ultimo giro e tenere questo ritmo. I fatti gli danno ragione ed infatti tutto l’ultimo giro lo farà in rimonta riuscendo a guadagnare buone posizioni e chiudendo al 18° posto appena davanti a Salvatore Chighini.

Ottimo il presidio previsto negli incroci da parte dei nonni vigile molto solerti e premurosi nel loro servizio. Siparietto anche quest’anno da parte dei due travestiti (Pierpaolo Stefanopoli e Luigi Mundula) con tanto di lunga parrucca bionda e denti colorati di nero per sembrare ancora più brutte. Il dopo gara rappresenta per la quasi totalità degli atleti il piatto forte di questa manifestazione. Panini imbottiti di carne arrosto e lunghe bancate dove si poteva trovare ogni ben di Dio. Salsiccia di Fonni, formaggio pecorino e pizze a volontà con fiumi di birra alla spina e vino rosso o bianco.  Torte salate e dolci per chiudere l’abbuffata collettiva dove tutti vi partecipano. Non passa inosservata l’ottimo lavoro elargito da tutti gli atleti facenti parte della società organizzatrice, garanti, nel loro piccolo, di quei gesti genuini e spontanei che certamente aiutano a far grande una società sportiva come quella nuorese. Finalmente si provvede alle premiazioni con Massimo che chiama sul palco i vincitori della manifestazione sia maschile che femminile e conferisce a loro un bellissimo trofeo offerto da un artista locale. Vengono premiati primi senior arrivati con dei bustoni pieni di prodotti locali di grandissimo pregio.  Tali premi vengono consegnati anche ai primi cinque arrivati di tutte le categorie sia maschili che femminili. Grandi saluti e volti sorridenti, anche se un po’ stanchi, prima di riprendere la via del ritorno verso casa propria.          

 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. massimo zara

permalink | inviato da Antonello Vargiu il 15/5/2010 alle 17:50 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Sfoglia aprile        giugno