.
Annunci online

antonellovargiu correre rende sani e felici...
“Maratonina dei Fenici”. Pula (CA) 27-12-2009.
post pubblicato in Resoconto gare 2009., il 27 dicembre 2009

Buona la prima manifestazione denominata “Maratonina dei Fenici” organizzata dalla società di atletica C.S.C.R. di Pula e svolta nella cittadina turistica di Pula. E’ proprio il passaggio degli atleti accanto agli scavi archeologici di Nora, situati a poco più di tre chilometri dal centro abitato, ha dato il nome alla manifestazione. La giornata si presenta piuttosto nuvolosa con una temperatura intorno ai 14 gradi. Spira un debole vento di maestrale che non passa inosservato specie lungo i rettilinei che da Nora indirizzano gli atleti verso Pula. I 21 km. e passa sono stati divisi dagli organizzatori locali in due giri da 10,5 km. coinvolgendo quindi nel percorso sia il centro storico del paese che le rovine archeologiche. Da segnalare che il percorso è tutto sul piano per cui si presenta molto veloce salvo qualche curva stretta e due giri di boa da affrontare due volte. 

Ben 469 gli iscritti alla mezza maratona più alcune centinaia di iscritti alla non competitiva che partiranno qualche minuto dopo. A causa dell’operazione piuttosto macchinosa per il ritiro del pacco gara e dell’alto numero degli iscritti sul posto la partenza della gara viene posticipata di 30 minuti. Tra gli atleti di spicco non passa inosservato colui che poi sarà il vincitore di questa prima maratonina. Migidio Bourifa dell’Atletica Val Brembana di Bergamo. Campione italiano di maratona (Treviso, 29-03-2009, 2:14’14”) e  primo degli atleti europei alla maratona di New York svoltasi il 2 settembre 2009 con un tempo di 2:16’01” arrivando 13° assoluto. Ma ci sono anche altri due atleti che sicuramente non daranno vita facile al neo sposo bergamasco. Sono innanzitutto Pasquale Rutigliano dell’Esercito che ha vinto il giorno di Santo Stefano (appena 24 ore prima) la gara svoltasi a Pirri (Cagliari) su un percorso cittadino di 6 km. dove ha battuto l’altro fortissimo atleta di origine marocchina (presente anch’esso a Pula), Abdelkader Oualid dell’  Atletica Olbia. La gara dei tre battistrada è stata sempre condotta con un sincronismo quasi perfetto. Bourifa fa l’andatura mentre Rutigliano e Abdelkader seguono a ruota quasi incollati. Solo negli ultimi 300 metri Abdelkader lancia la sfida in una forte progressione che costringe Bourifa in un forcing  finale che manda in delirio il folto pubblico presente. Questi i primi 20 arrivati della manifestazione: 1° Migidio Bourifa (Atl. Val Brembana) 1:10’30”; 2° Oualid Abdelkader (Atl. Civitas Olbia) 1:10’31”; 3° Pasquale Rutigliano (Esercito) 1:10’31”; 4° Daniele Troia (Atl. Studentesca Ca. Ri.Ri) 1:12’44”; 5° Salvatore Concas (Cambiaso Risso Genova) 1:12’19”; 6° Morad Ibnorida (S. G. Amsicora CA) 1:12’51”; 7° Riccardo De Venuto (Atl. Goceano Bultei) 1:12’52”; 8° Luigi Leotta (M.35, Atl S. Sperate) 1:14’09”; 9° Antonello Sinopoli (M.45, Pod. Amat. Olbia) 1:14’19”; 10° Marco Leoni (TM, Atl. Franciacorta Brescia) 1:14’47”; 11° Fabrizio Baralla (Atlhetic Team SS) 1:15’38”; 12° Gabriele Carta (M.40, Sporting S.I.E.) 1:15’40”; 13° Antonio Pillitu (M.40, Atl. Serramanna) 1:16’41”; 14° Mauro Desogus (M.45, Futura CA) 1:17’45”; 15° Giampietro Dessì (M.35, Sporting S.I.E.) 1:18’15”; 16° Antonello Vargiu (M.50, Futura CA) 1:18’27”; 17° Serafino Licheri (M.45, Atl. San Sperate) 1:19’12”; 18° Puddu Maurizio (M.40, Atl. San Sperate) 1:19’12”; 19° Alex Sanna (TM, Atl. Cortoghiana) 1:19’16”; 20° Massimiliano Nocco (M.35, Atl. Cortoghiana) 1:19’19”.

Degno di nota tra gli uomini l’arrivo del diversamente abile Armando Xaxa di Conegliano che ha chiuso la gara in 1:44’16” arrivando 272° assoluto così come non è passato inosservato il folto gruppo degli atleti Prog. Filippide di Porto Torres da prendere come esempio per la passione manifestata.

Tra le donne facile la vittoria di Claudia Pinna (C.U.S. Cagliari) in 1:19’24” . L’atleta sangavinese ha sempre mantenuto un’andatura costante arrivando 21^ assoluta mentre  Manuela Manca (S. G. Amsicora CA) nonostante l’allungo finale chiude in 1:19’57” arrivando 25^ assoluta. Sino al decimo posto si sono classificate: 3° Paola Sogos (G.S. Atl. Olbia ) in 1:25’38” arrivata 57^; 4° Eleonora Bazzoni (Running Club Futura) 1:25’59”, 61^; 5° Elsa Farris (TF, Nuova Atl. Sestu) 1:27’14”, 77^; 6° Adalgisa Deriu (F.35, Guilcer Team Ghilarza) 1:30’32”, 122^; 7° Maria Pasquale Canu (F.50, Alghero Marathon) 1:33’10”, 149^; 8° Antonella Cau (F.35, Amatori Nuoro) 1:35’06”, 166^; 9° Ivana Corrias (F.35, Pol. Libertas Campidano) 1:35’43”, 177^; 10° Emilia Minnai (F.40, Sporting S.I.E.) 1:36’10”, 183^. Da segnalare che per i primi sette uomini e le prime cinque donne era previsto un premio in denaro che da 400 euro andava a decrescere a prescindere delle categoria di appartenenza mentre ai primi tre classificati di ciascuna categoria è stato consegnato in premio un magnifico cesto di prodotti locali di ottimo pregio. A tal riguardo bisogna mettere in evidenza come sia fondamentale l’uso dei microchip in una gara dove i partecipanti siano ben oltre 400 atleti, oltre ad evitare errori nella rilevazione dei tempi d’arrivo si sveltiscono anche le operazioni di premiazioni che in tale circostanza sono andate veramente per le lunghe. Da rilevare come rispetto ai 469 atleti iscritti alla mezza solo 355 sono quelli arrivati a fine gara. Degli oltre 100 atleti che non hanno varcato la soglia d’arrivo buona parte sono stati quelli ritirati durante la gara mentre qualcuno non si è presentato  proprio alla partenza. Del totale atleti arrivati le categorie più numerose sono state per gli uomini la M45 con 67 partecipanti e la M40 con 64 mentre tra le donne la categoria più numerosa è stata la F40 con 10 arrivi. Complessivamente gli uomini arrivati sono stati 316 contro i 406 iscritti mentre le donne sono 39 contro 63. La società più numerosa è quella dei Runners di Cagliari con 32 uomini e 7 donne a cui gli organizzatori hanno riconosciuto un rimborso economico in base al numero degli atleti arrivati.

 La  manifestazione era valida come campionato sardo amatori e  master di mezza maratona e anche come campionato sardo forze armate e di polizia. Ecco un riepilogo dei campioni sardi femminili e maschili: TF, Elsa Farris (Nuova Atl. Sestu); F35, Adalgisa Deriu (Guilcer Team Ghilarza); F40, Emilia Minnai (Sporting S.I.E.); F45, Giovanna Melis (Atl. E. Sanna Elmas); F50, Maria Pasquale Canu (Alghero Marathon); F55, Michelina Ottaviani (Atl. Pod. San Gavino); TM, Alex Sanna (Atl. Cortoghiana);  M35, Luigi Leotta (Atl. San Sperate); M40, Gabriele Carta (Sporting S.I.E.); M45, Antonello Sinopoli (Pol. Atl. Olbia); M50, Antonello Vargiu (Futura CA); M55, Efisio Usai (Atl. San Sperate); M60, Felice Bellu (Amat. Terralba); M65, Paolo Putzolu (Atl. Iglesias); M70, Francesco Calledda (Survival Triathlon); M75, Lino Sanna (Atl. San Sperate).  Per il campionato riservato ai militari e forze di polizia occorre segnalare la vittoria del gruppo della Polizia con 1825 p.ti sui Carabinieri arrivati secondi con 1447 p.ti. mentre l’Esercito si deve accontentare del terzo posto (870 p.ti).

Per quanto riguarda la mia gara devo ammettere che sono rimasto molto soddisfatto.  Già la conquista del titolo sardo è satata una grande impresa, considerato il fatto che tra gli atleti rivali erano presenti tutti i più forti della Sardegna. Ma è l'andamento della gara in particolare che mi è piaciuta. Una partenza veramente forte, a ridosso di altri atleti ben più forti di me, che mi ha consentito di accumulare un vantaggio veramente importante gestito poi nella fase finale con accortezza.

A fine gara è previsto un pranzo per tutti gli atleti a base di malloreddus e salciccia arrosto che gli atleti potevano gustare seduti nella magnifica Piazza del popolo baciati da un debole sole. Nel mio caso ho avuto la fortuna di trascorrere le lunghe ore di attesa in compagnia di tanti amici per analizzare con loro gli aspetti tecnici e folcloristici della gara appena trascorsa e tra questi amici,  quello con cui mi sono trattenuto maggiormente è stato proprio colui che in partenza era il mio rivale più temibile, Rino Azzena. Abbiamo rivissuto assieme un po’ tutte le fasi della gara e brindato con birra (io) e vino (lui) scherzando amichevolmente nel massimo rispetto agonistico che poi è svanito verso gli aspetti più personali e umani della vita quotidiana. Per il prossimo anno speriamo che  gli organizzatori di Pula ci ripresentino la stessa manifestazione, magari con qualche accorgimento migliorativo, ma soprattutto , a mio avviso , con qualche giorno d’anticipo rispetto alle feste natalizie.

PS. Per le foto si ringraziano Ignazio Sulis e Marcello Carlino.

Per vedere i risultati della gara di Pula clicca qui.

 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. pula nora migidio bourifa

permalink | inviato da Antonello Vargiu il 27/12/2009 alle 22:53 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Sfoglia novembre        gennaio