Blog: http://antonellovargiu.ilcannocchiale.it

Capoterra (CA), 09-01-2011. 1^ Prova Campionato Regionale di Società di Cross.


La bellissima giornata primaverile e la località molto suggestiva di “Is Olias”, a pochi chilometri da Capoterrahanno permesso una ottima riuscita della 1^ Prova di Cross valida come Campionato Regionale di Società peril 2011.

Il paese di Capoterra conta circa 25000 abitanti e si trova a poco meno di 20 km. da Cagliari sulla litoranea che dal capoluogo si dilunga verso ovest sino ad arrivare verso la punta più a sud dell’isola di Capo Teulada. La caratteristica principale di questo comune è data dal fatto che si trovi a due passi dal mare ma con splendide montagne alle sue spalle di una vastità tale da essere considerate una delle zone verdi trale più vaste d’Europa. Molto bello il Parco del WWf situato a pochi chilometri dal punto dove si è svolta la manifestazione sportiva.

Al nostro arrivo, intorno alle nove, già splende un ottimo sole nonostante la temperatura segni non più di13°. La località del ritrovo è presso la forestale della Comunità montana, a 3 km. dal centro abitato, per cui tutta la struttura è organizzata benissimo per accogliere ingenti quantità di persone.

La manifestazione è stata organizzata dalla società sportiva Atletica Capoterra ed il circuito gara è stato ritagliato in una zona attigua ad un grande parcheggio su un terreno ricco di vegetazione mediterranea dove emergono dei secolari uliveti che rendono molto spettacolare il paesaggio. Il percorso gara è lungo 970 mt., assume un forma quasi ovale e si percorre in senso antiorario. Essendo il terreno leggermente scosceso, proprio nella parte più bassa si trova la postazione dei giudici e la partenza/arrivo della gara, mentre nel punto più alto si trova la curva di ritorno per il giro, proprio a metà circuito. Sostanzialmente ogni giro è costituito da una leggera salita sino a metà e da una leggera discesa sino all’arrivo.  

Intorno alle 10 ha inizio la gara dei Master dai 50 anni in su. Sono iscritti alla partenza poco meno di 130 atleti che dovranno affrontare  6 giri del percorso per un totale di 5820 mt. In questa gara sono presente anch’io (Antonello Vargiu, M50, SG. Amsicora CA), per cui vorrei spendere qualche parola sulla mia prestazione. Sin dalla partenza decido di spingere parecchio nonostante proprio nella parte iniziale il circuito si presenti in leggera salita e ricco di serpentine continue. Al passaggio nel primo giro registro un clamoroso 3’20” che mi consente di posizionarmi in testa alla competizione. Nel secondo giro, verso metà della salita, decido di rallentare per recuperare fiato, ed è proprio in questa circostanza che vengo superato prima da Genesio Lusci (M50, Sulcis Carbonia) e successivamente da Filippo Buono (M55, Pod.Amat. Olbia). Nel proseguo della gara, per almeno 4 giri, l’andatura  è di poco superiore a 3’35” mentre la distanza dai due battistrada si mantiene sempre costante intorno a 10 mt. Già prima che inizi l’ultimo giro, pur essendo sempre in terza posizione, ormai mi rendo conto che i giochi si fanno tra noi tre. Gli altri avversari sono rimasti piuttosto attardati e posso così preparare tranquillo l’attacco finale. Decido di sfruttare la salita per portarmi nel punto più alto in linea con glia vversari così da giocare tutte le carte nella discesa finale di circa 500 mt. Non è così semplice, come può sembrare, in quanto anche i due battistrada aumentano leggermente l’andatura e, tra l’altro, ci sono parecchi concorrenti doppiati da superare. Come da copione, mi trovo quasi in linea agli avversari prima della curva più alta e, proprio come inizia la discesa, spingo al massimo quasi come fosse lo sprint finale. Supero in velocità Lusci mentre Buono si rende conto della mia strategia e cambia passo anche lui. Sono 500 mt. infernali dove posso giocarmi la prima posizione assoluta. A 200 mt. dall’arrivo controllo la posizione di Lusci e mi rendo conto che la distanza è più che sufficiente per tenerlo a bada mentre Buono viene incitato da alcuni suoi compagni di squadra che lo spronano a non mollare e a chiudere in testa la gara. Mi sento stremato per lo sforzo finale per cui decido di stare ad un paio di metri dietro l’avversario in attesa di un’allungo finale di 50 mt. Niente da fare, nonostante l’allungo finale Buono riesce a chiudere anche lui con la massima spinta e mi devo accontentare della seconda posizione in assoluto, nonchè della prima posizione di categoria. Ultimo giro in 3’24”. Questi i primi 5 atleti arrivati: 1° Filippo Buono (tempo impiegato 21’08”); 2° Antonello Vargiu (21’10”); 3° Genesio Lusci (21’18”); 4° Giancarlo Mereu (M50, Atl. Selargius, 21’45”); 5° Giovanni Congiu (M55, Atl. Iglesias, 21’59”).

Subito a seguire ha inizio la gara che racchiude le categorie dai TM sino ai Master M45. Sono iscritti alla partenza 140 atleti e anche loro dovranno affrontare 6 giri. In questa gara  domina senza problemi Antonello Sinopoli (M45, Pod. Amat. Olbia) conducendo dall’inizio alla fine in solitudine la propria gara con un tempo di 20’02”. Staccato di una sessantina di metri arriva Antonio Pillitu (M45, Atl. Serramanna, 21’13”) che recupera proprio nell’ultimo giro gran parte dello svantaggio accumulato durante la gara. Questi gli altri arrivi sino al 5° posto: 3°  Walter Ambu (M40, SG. Amsicora CA, 20’39”); 4° Mauro Desogus (M45, SG. Amsicora CA,20’52”); 5° Giuliano Murredda (M40, Gruppo Dil. Assemini, 20’56”).

Dopo la gara dei Master uomini hanno luogo le varie gare dei giovanissimi dove una miriade di bambini si sono dati battaglia nonostante moltissimi di loro abbiano affrontato dei lunghi viaggi partendo al mattino presto. Tra i tanti bambini e ragazzi che ho potuto ammirare ci sono anche dei figli di atleti che già da piccoli manifestano delle grandi capacità agonistiche. Due su tutti: Lorenzo Sebastiano Sotgia (Esord. A, Runners Oschiri) e Giacomo Raffaele Casula (Ragazzi, GS. Runners CA).  

Intorno alle 12,30 inizia la gara delle donne Master e TF dove vengono accorpate nella stessa gara di 4 giri (3880 mt.) sia le Allieve (solo 3 giri) che le Junior, Promesse e Senior del Cross Corto.  La gara ha come vincitrice assoluta Elena Frattus (Senior, Atl. Porto Torres) seguita dalla compagna di squadra Graziella Mossa mentre molto staccata arriva Maria Domenica Manchia (Senior, Atl. Runners Oschiri). La prima delle Allieve è Manuela Crobu (Atl. Porto Torres) mentre tra le Junior primeggia Chiara Borra (SG. Amsicora CA).Tra le donne Master netta vittoria di Valeria Sailis (F40, Parteolla Dolianova) su Rosalba Miscali (F45, Marathon Club Oristano) e Maria Grazia Piras (F45, GS.Runners CA) mentre al quarto e quinto posto arrivano le due atlete del Guilcer Team Ghilarza,  Adalgisa Deriu e Rita Angela Porcu.

Alle 13 ha inizio la gara di Cross Corto Maschile (4 giri) dove gli Allievi fanno compagnia alle Promesse eai Senior. Stefano Floris (Senior, GS. Amsicora CA) parte con forte intensità creando un distacco molto ampio nel primo giro sul proprio compagno di squadra Fernando Vicari. Verso metà gara Vicari annulla quasi totalmente lo svantaggio controllando Floris da brevissima distanza. In terza posizione, seppure ben staccato dai due battistrada, si presenta un sorprendente Andrea Cabboi (Senior, Parteolla Dolianova), che anticipa, seppure di poco, i due fratelli Casula, Gianmario e Claudio (Runners Sassari). Finale con Floris e Vicari che arrivano molto vicini tra loro anche se Floris riesce a vincere di pochissimo. I due fratelli Casula nell’ultimo giro superano Cabboi precedendolo all’arrivo di pochi secondi. Questo l’ordine d’arrivo dei primi 10 atleti: 1° Stefano Floris (con il tempo di 12’19”); 2° Fernando Vicari (12’20”); 3° Gianmario Casula (12’36”); 4° Claudio Casula (12’39”); 5° Andrea Cabboi (Pol. Parteolla Dolianova); 6° Luigi Leotta (Pol. Gonone Dorgali); 7° Marco Moi (SG. Amsicora CA); 8° Ignazio Sagheddu (Pol. Gonone Dorgali); 9° Giannetto Atzeni (M35, Pol. Parteolla Dolianova); 10° Marco Frau (Pol. Gonone Dorgali). Primo tra le Promesse è Luca Schirru (SG. Amsicora CA) arrivato 11° assoluto mentre tra gli Allievi Davide Chighini (At. Goceano) precede Michele Mascia (Atl. Porto Torres).

Nella gara successiva si corre il Cross Lungo Donne (6 giri pari a 5820 mt.) e partecipano a questa gara anche gli Junior Uomini. Tra le donne bel duello tra Manuela Manca (SG. Amsicora CA) e Roberta Ferru (GS. Atl. Olbia) sempre molto vicine tra loro per tutta la gara. Decisamente staccate sin dal primo giro le altre due atlete dell’Amsicora Paola Sogos e Elsa Farris. Manuela Manca chiude la sua gara con un tempo di 21’53” mentre la Ferru le arriva a due secondi di distacco. Tra gli Junior Uomini bella sfida iniziale tra Mattia Scalas e Michele Carta, entrambi della Atl. Serramanna, anche se alla lunga Scalas riesce a prevalere. Terza posizione per Mattia Denti che domina su Giuseppe Falchi suo compagno di squadra nella Atl. Goceano.

Poco prima delle 14 ha inizio la gara del Cross Lungo Uomini. Sono 10 giri pari a circa 9700 mt. Sin dalla partenza conduce la gara l’atleta marocchino residente in Sardegna Oualid Abdelkader (Atl. Civitas Olbia). Oualid nei primi sei giri è seguito da Salvatore Orgiana (Atl. Goceano) in ottima giornata mentre rimane leggermente staccato Antonio Azzena (SG. Amsicora CA). Anche Giuseppe Stara (Marathon Club Oristano) e Morad Ibnorida (SG. Amsicora CA) hanno un buon ritmo seppure Ibnorida poi si ritirerà dalla gara. Verso l’ottavo giro Orgiana viene superato da Azzena ma per l’amsicorino ormai il distacco da Abdelkader è piuttosto intenso. Queste le prime 10 posizioni: 1° Oualid Abdelkader; 2° Antonio Azzena;3° Salvatore Orgiana; 4° Giuseppe Stara; 5° Riccardo De Venuto (Atl. Orani); 6° Pasqualino Carta (Atl. Goceano); 7° Marco Mattu (SG. Amsicora CA); 8° Giuseppe Mura (Atl. Civitas Olbia); 9° Simone Pes (SG. Amsicora CA); 10° Alberto Carta (Atl. Goceano).

Tutte le foto sono di Antonello Vargiu esclusa quella dove lui è presente (foto M. Grazia Piras) e la foto dove sono presenti Abdelkader con Orgiana (foto fornita da Simone Pes).

Per vedere tutti i risultati delle gare di Capoterra clicca qui.

Per vedere altre foto della gara clicca qui.

Pubblicato il 12/1/2011 alle 0.54 nella rubrica Resoconto gare 2011..

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web