Blog: http://antonellovargiu.ilcannocchiale.it

Villacidro (VS), 05-06-11. Il lago di corsa.


Grande partecipazione di atleti nella gara attorno al lago che si è svolta domenica 5 giugno nelle campagne di Villacidro. La manifestazione è stata organizzata dalla società Olympia Villacidro con a capo il suo presidente Nicola Pittau coadiuvato, nella circostanza, da tanti collaboratori della società medesima e da volontari di altre società. Il paesaggio è veramente stupendo. In una cornice di monti, ricchissimi di vegetazione boschiva, si distende un vasto specchio di acqua il cui perimetro è circoscritto da una strada asfaltata che lo circonda interamente per una lunghezza di 11400 mt. La diga in oggetto ha una superficie di invaso di 74 km2 e una capacità di 20 milioni di m3Molto caratteristica la tecnica costruttiva utilizzata. Si tratta del secondo bacino artificiale d’Europa il cui sbarramento è stato realizzato esclusivamente in terra battuta con materiale alluvionale raccolto direttamente nella zona circostante. E’ proprio il giro completo del lago a costituire il percorso della manifestazione dove a costanti e dolci salite si alternano ripetutamente brevi e leggere discese. Per l’intero giro, percorso in senso antiorario, bastava girare leggermente lo sguardo a sinistra per ammirare l’immensa distesa d’acqua dove si rifletteva a specchio l’immagine dei monti anteposti alla nostra posizione.La parte finale della gara è costituito dal lungo rettilineo dello sbarramento, lungo circa 800 mt., perfettamente sul piano, dove un’incredibile effetto ottico faceva apparire l’arrivo straordinariamente più vicino rispetto alla effettiva distanza ancora da percorrere. Proprio lungo questo rettilineo si sono svolte anche le gare dei più giovani (Esordienti, Ragazzi e Cadetti) nonché una suggestiva gara di contorno, denominata “

Indietro Tutta”, consistente in una corsa all’indietro (Retro Running) di 1000 mt La temperatura già dal mattino presto si attesta intorno ai 24° e l’umidità è altissima. Risultano iscritti alla partenza del giro ben 423 atleti tra cui 63 donne e 360 uomini. A fine gara la quantità totale di atleti arrivati sarà di 370 atleti tra cui 317 uomini e 53 donne con un alto numero di atleti ritirati. Verso le 9,45 avviene la partenza della gara principale. Sia la partenza che l’arrivo si trovano acirca 100 mt. dall’inizio dello sbarramento. Questa breve distanza consente comunque, dopo la partenza, di affrontare la curva di uscita dello sbarramento con un gruppo già sgranato dove le posizioni degli atleti più forti sono già ben definite Tra gli atleti di maggiore spicco figurano i nomi di Marco Mattu, Gianfranco Secci, Luigi Leotta, Andrea Cabboi, Pasqualino e Alberto Carta e tanti altri. Occorre considerare che, nonostante la gara valesse come titolo sardo di corsa su strada per le categorie Senior, Promesse e Junior, non si è assistito ad una partecipazione massiccia degli atleti di queste categorie, soprattutto femminili. Sicuramente ha influito sulla partecipazione a questa manifestazione il fatto che il giorno precedente ci fosse una gara a Fonni (NU), tra l’altro molto più corta. Credo poi che affrontare una gara

così lunga, nei primi giorni di giugno, costituisca un sacrificio piuttosto intenso per gli atleti, dato che la temperatura percepita, per effetto dell’altissima umidità, superava abbondantemente i 30°. Molto efficienti i due punti ristoro al km. 5,5 e 8,5, con bottiglie d’acqua “Smeraldina” da mezzo litro, anche se forse era già necessario un punto ristoro al 3° km.

Questi i primi 20 atleti uomini arrivati: 1° Marco Mattu (SG Amsicora CA) arrivato in 38’46” ; 2° Gianfranco Secci (Atletica Santadi) in38’55”; 3° Luigi Leotta (Pol. Gonone Dorgali) in 39'33"; 4° Andrea Cabboi (Parteolla Dolianova) in 39'48";  5° Pasqualino Carta (Atl. Goceano) in 40'02"; 6° Alberto Carta (Atl. Goceano) in 40'11"; 7° Andrea Porta (Podistica San Gavino) in 40'13"; 8° Giovanni Goseli (M40, Amatori Nuoro) in 40'38"; 9° Roberto Anolfo (Atl. Orroli) in 40'47"; 10° Carlo Ennas (Pod. San Gavino) in 40'57"; 11° Paolo Porcu (M45, Atl. Orroli) in 41'15"; 12° GabrieleCarta (M45, Jolao Iglesias) in 41'28"; 13° Alessandro Mameli (M40, Tespiense Quartu) in 41'49"; 14°Bernardino Casu (M40, Pionieri Marmilla Mogoro) in 41'55"; 15° Gianni Carta (M50, Atl.Serramanna) in 42'06"; 16° Giovanni Congiu (M55, Atl. Iglesias) in 42'09"; 17° Francesco Tuveri (M45, Gr. Pod. Dil. Assemini) in 42'12"; 18° Giannetto Atzeni (M35, Parteolla Dolianova) in 42'17";  19° Marco Pinna (M40, Atl.Guspini) in 42'19"; 20° Genesio Lusci (M50, Sulcis Carbonia) in 42'24".

Questo l’arrivo delle prime 10 donne: 1^ Stefania Carola (F40, Pod. San Gavino) 99^ assoluta in 48'18"; 2^ Maria Grazia Piras (F45, Runners Cagliari)103^ ass.ta in 48'25"; 3^ Valeria Sailis (F40, Parteolla Dolianova) 120^ ass.ta in 49'10"; 4^ Giuseppina Cauli (Senior, Valore Salute Forti e Veloci Roma) 147^ ass.ta in 50'28"; 5^Maria Pasquale Canu (F50, Alghero Marathon) 155^ ass.ta in 50'42"; 6^ Judith Van Eijk (F45, Gr. Pol. Dil. Assemini) 156^ ass.ta in 50'45"; 7^ Gabriella Cappai (F40, Runners Cagliari) 175^ ass.ta in 51'27"; 8^ Paola Crespi (F35, Tespiense Quartu) 178^ ass.ta in 51'38"; 9^ Rita Angela Porcu (F40, Guilcer Team Ghilarza) 208^ ass.ta in 52'48"; 10^ Daniela Ennas (Senior, Pod. San Gavino) 213^ ass.ta in 52'54".

Questa la sintesi degli atleti più giovani arrivati per primi, sia maschili che femminili. Esord. C: Alessandro Lecca (Parteolla Dolianova) e Giulia Saiu (Olympia Villacidro); Esord. B: Sara Podda (Pod. San Gavino) e Emanuele Sanna (idem);  Esord.A: Elena Musa (Atl. Santadi) e Kevin Congiu (idem).Da rilevare che tra gli Esordienti hanno tagliato il traguardo 70 atleti (26 femm. e 44 masch.). Tra le/i Ragazze/i hanno vinto Sonia Fanari (Atl. Pabillonis) e Giacomo Raffaele Casula (GS Runners CA) mentre tra le/i Cadette/i hanno prevalso Elisabetta Atzei (Riu Mannu Gonnostramatza) e Efisio Arba (Atl. San Basilio). I risultati completi degli singole gare si possono vedere cliccando qui. 

Decisamente di grandissimo rilievo, come ogni anno, mi è sembrato il ristoro finale. Ormai questa manifestazione si è creata un’immagine che sicuramente non è facile da mantenere, specie quando, tra atleti e accompagnatori, si raggiunge il numero totale di oltre 1000 presenze da soddisfare. La società organizzatrice ha dato un chiaro segnale di grande capacità organizzativa accontentando tutti quanti con frutta, torte dolci e salate e bevande decisamente all’altezza della situazione.

Due parole sulla mia gara. In questa circostanza ho ritenuto opportuno anziché competere in prima persona applicarmi come accompagnatore ad una persona ipovedente, Armando Xaxa (M45, ASCII Roma) Muniti di cordino, io ed il quartese Armando, siamo partiti da una posizione piuttosto decentrata trovando non pochi problemi soprattutto nei primi due km. A me spettava mandarli tutti i segnali di guida anche se in alcune circostanze è risultato veramente difficile. Più di una volta, sia io che Armando, ci siamotrovati a dover “cozzare” con altri atleti che inavvertitamente cercavano di tagliare nelle innumerevoli curve trovandosi davanti al nostro cammino. Addirittura in una circostanza, forse per mia distrazione, Armando ha rifilato un calcione da dietro ad un incolpevole atleta che gli è passato davanti, e, solo per pochissimo costui è riuscito a non cadere rovinosamente per terra. Tutto sommato abbiamo fatto una buona gara. Forse Armando, preso dall’entusiasmo dell’avvenimento nei primi 5 km. ha ti-

rato leggermente di più rispetto alle sue capacità, pagando nella fase finale con un inevitabile calo. In tale circostanza ho dovuto sostenerlo con quelle che ormai per me sono tecniche collaudate cercando di “traghettarlo” sino all’arrivo più che altro con la forza mentale e la respirazione. Il nostro tempo finale alla fine è stato di 53’07”. Negli ultimi mt. ho sentito un tifo del pubblico veramente straordinario. Lo speaker che annunciava il nostro arrivo, manco se fossimo i primi della gara, ed il pubblico che ci ha accolto negli ultimi 100 mt. con un applauso molto intenso. Certo, per me lo sforzo della gara non era da paragonare a quello di Armando. Tre anni prima la stessa gara la terminai all’ottavo posto assoluto con il tempo di 41’08” e con una media a km. vicina a 3’35”.

PS. Foto di Fabrizio Podda. 

Per vedere altre foto della gara clicca qui.

Pubblicato il 6/6/2011 alle 11.40 nella rubrica Resoconto gare 2011..

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web